Continua la protesta dell’uomo che nei giorni scorsi aveva minacciato di suicidarsi per motivi economici

Continua la protesta dell'uomo che nei giorni scorsi aveva minacciato di suicidarsi per motivi economici

 Continua la protesta di G. O., 46 anni, laureato in giurisprudenza e imprenditore agricolo della Sibaritide.

tentato-suicidio

Qualche giorno fa l’uomo in preda a forte crisi di nervi, aveva telefonato al 118 preannunciando l’intento di suicidarsi.

Ai sanitari ed ai carabinieri intervenuti sul posto l’uomo aveva raccontato la triste storia.

Il tentativo di suicidio era dovuto al fatto che la moglie da questo mese non riceverà più alcun salario in quanto il comune non è in gradi di pagare nessuno dei lavoratori LSU e LPU, in quanto non ha la possibilità di anticipare i fondi di cui il comune non dispone.

Ieri il Sig. G. O. si è recato presso l’ufficio protocollo del comune e per protesta a riconsegnato la scheda elettorale accompagnata da una lettera di protesta con cui l’uomo rende pubblica questa ulteriore forma di protesta.

Il sindaco di Trebisacce Franco Mundo da parte sua oltre ad esprimere piena solidarietà alla famiglia O. ha spiegato le ragioni del Comune di Trebisacce, impossibilitato ad anticipare ulteriori fondi, in quanto l’ente ha, da parte sua già, fatto molto anticipando circa 200 mila euro per conto della Regione Calabria garantendo il salario ai lavoratori Lsu e PLU.

Ha quanto risulta al sindaco pare che la Regione si appresti ad effettuare i rimborsi nei primi giorni del prossimo mese.

Print Friendly