Lo scrittore Pugliese denuncia: “Il Sindaco di Amendolara ha mentito sulla conferenza dei servizi per l’ammodernamento della SS 106”

Lo scrittore Pugliese denuncia: “Il Sindaco di Amendolara ha mentito sulla conferenza dei servizi per l'ammodernamento della SS 106”

“Attraverso un comunicato stampa del 17 maggio scorso il Sindaco di Amendolara Ciminelli sosteneva che ‘Fabio Pugliese disconosce i fatti ed ignora quali siano i tempi dell’iter procedurale di un’opera che il territorio attende da 25 anni’. Rilanciava sostenendo che ‘Pugliese dovrebbe documentarsi, prima di sparare a zero sugli amministratori”. Lo dichiara l’autore del libro inchiesta sulla SS 106 “Chi è Stato?”, Fabio Pugliese.
“Il Sindaco – prosegue lo scrittore – ovviamente, a differenza del sottoscritto era, invece, bene informato e così in quella nota non perdeva l’occasione per affermare, infine, che ‘In meno di 20 giorni sarà convocata la conferenza dei servizi. Altro che ritardi. Paragonata ad un’attesa che dura da 25 anni, i tempi, al contrario, possono dirsi più che celeri. Evidentemente Pugliese ignora alcuni passaggi”.

Tuttavia un primo fatto è evidente ormai a tutti: non solo sono passati 20 giorni e dopo un’attesa che dura 25 anni il territorio prende atto che non si è svolta nessuna conferenza dei servizi ma, ad oggi, ancora non è dato sapere quando questa avverrà. Tutto ciò, naturalmente, avvalora le tesi del sottoscritto, circa i ritardi, se non la bocciatura definitiva della realizzazione del progetto di ammodernamento che – detto per inciso – per me resta purtroppo ad oggi una quasi certezza.
Sorvolo – aggiunge – su ogni qualsiasi valutazione circa una Istituzione dello Stato che dichiara la convocazione di una conferenza dei servizi senza evidentemente averne alcuna certezza. Questa enormità, infatti, si commenta da sola. Immagino cosa avrebbe potuto affermare di questa vicenda il Grande Sindaco Giorgio La Pia.
Entro, invece, nel merito della questione per ribadire quanto già detto affinché sia ancora più chiaro: sono certo che i lavori del Megalotto 3 della S.S. 106 partiranno come previsto ad agosto 2015. E’ sono altrettanto certo che tutti sindaci dell’alto jonio – di cui Ciminelli è il portavoce – che non sono contrari all’opera ma (e sottolineo dieci volte questo “ma”), non vogliono che ciò generi un impatto ambientale negativo saranno capaci di trovare il giusto compromesso affinché siano avviati i lavori per tempo e senza ritardi ed, insieme, sia anche salvaguardato l’impatto ambientale. È evidente – sottolinea Pugliese – che se ciò non accadrà sarà prevalso sull’interesse generale della Regione Calabria e dei suoi cittadini l’interesse – seppure legittimo – delle comunità dell’alto jonio che attraverso i loro primi cittadinisi saranno resi responsabili dell’impatto negativo che la mancata realizzazione di questa opera avrà sul futuro di intere generazioni di giovani calabresi che verranno. “Tra i più attivi oppositori al progetto” di ammodernamento del Megalotto 3 della S.S. 106 “c’è il sindaco di Amendolara Antonio Ciminelli.

Confermo, infine, che il mancato ammodernamento del Megalotto 3 che avrebbe collegato Sibari a Roseto riuscendo nella realizzazione di ben 38 chilometri di Nuova S.S. 106 con una spesa pari a 1,2 miliardi di euro, l’assunzione di oltre 1.000 operai, l’inizio di una nuova era per i Trasporti in Calabria e la possibilità di diminuire l’incredibile numero di vittime sulla tristemente nota “strada della morte” rischia concretamente di “saltare” ad opera di quanti ,Sindaco Ciminelli compreso, si sono adoperati affinché ciò accadesse. Ovviamente – conclude – ciò sarà utile per ricordare i nomi di chi, proprio come Ciminelli che non è il solo, diventa responsabile morale delle vittime che dall’agosto del 2015 la S.S. 106 provocherà nel tratto compreso tra Roseto e Sibari”.

Print Friendly